Le Fattorie

Le Fattorie

Le Fattorie

Le vie della Canapa

MANTOVA. Quella di Lorenzo Bottani, 39 anni, è una bella storia. Una storia di amore per la terra, per l’acqua e per l’ambiente, che percorre una via che la nostra campagna aveva sepolto tanti anni fa, sulla spinta del petrolio e delle sue miracolose fibre e per colpa di una legge (firmata da Francesco Cossiga) che aveva cancellato un’importante tradizione nel nome di una vuota caccia alle streghe terminata soltanto nel 1997.


Perché la canapa è stata una coltura fondamentale, celebrata ai tempi del fascismo e anche prima: dalla canapa si ricavano fibre tessili, alimenti e sostanze nutritive e curative, la canapa necessita di pochissima irrigazione e fa volentieri a meno dei pesticidi e dei fitofarmaci, è una pianta forte che rende moltissimo.


Lorenzo, dipendente del Consorzio di bonifica Terre del Mincio, si è tuffato nell’avventura nel 2013 e oggi coltiva cannabis sativa in un ettaro di terreno in strada Trincerone, appena fuori città.


«Proprio nella soffitta della bonifica - racconta Lorenzo - avevo trovato un articolo degli anni Trenta della rivista “la Terra” e mi sono appassionato. Si parlava della canapa, di quella pianta che è stata ribattezzata “il maiale vegetale” perché si utilizza ogni sua parte e non si butta via alcunché. In Italia, in passato, siamo arrivati ad avere circa 100mila ettari coltivati a canapa, ma poi ecco le fibre di plastica, con tutto il mito della comodità, della modernità e dei bassi costi. Un mito foraggiato dall’industria chimica e petrolifera, che ha di fatto cancellato la coltura della canapa in Italia ed un pezzo della nostra storia».


Dal 1997, coltivare canapa è di nuovo legale (stiamo parlando di canapa con una percentuale di principio Thc inferiore allo 0,2%: al di sopra di questa soglia si parla, comunemente, di marijuana) e nasce Assocanapa a Torino. Da allora in tutta Italia la canapa è tornata lentamente a farsi strada.


«Ho chiesto un po’ di terreno sfitto al consorzio per cui lavoro - prosegue Lorenzo - e così ho iniziato. La terra va preparata così come per tutte le altre colture, ma non serve acqua e non servono pesticidi».


Anche se le possibilità offerte dalla canapa sono moltissime, dalla produzione di fibre tessili fino ai prodotti cosmetici, la scelta di Lorenzo è stata quella di iniziare con la raccolta a mano delle cime per ricavare un prodotto alimentare: «La canapa è ottima per i risotti, le frittate, le tisane. Ha potere decongestionante, diuretico e calmante nei casi di malattie come la sclerosi multipla. Visto che devo fare tutto da solo e che mi è scaduto il periodo di aspettativa dal lavoro - racconta Lorenzo - per il momento devo accontentarmi di raccogliere le cime. Per le fibre tessili e per la spremitura dei semi servono apparecchiature costose e serve più terreno. Bisognerebbe unire le forze».


Per dare spunto al suo (per ora) piccolo business, Lorenzo ha scelto di fare rete d’impresa con un’altra azienda particolare, la “Porc a l’ora” di Roncoferraro, che alleva maiali in libertà: «Ci diamo una mano sulla vendita dei prodotti. Adesso apriremo per la prima volta il nostro banchetto al mercato contadino del Lungorio, in città. Noi venderemo in particolare prodotti da forno fatti con farina di semi di canapa».


Coltivazione Canapa

Mercati Presenti

Mantova

Prodotti Acquistabili