prodotti  /  Ortofrutta  /  Verdura  /  Radici Amare - Az. Agr. Milani

Az. Agr. Milani

Radici Amare - Az. Agr. Milani

[[ selectedVariant.body ]]
€ [[ selectedVariant.price.original_price|floatformat ]] IVA inclusa
€ [[ selectedVariant.price.price|floatformat ]] IVA inclusa
Disponibile
Disponibile
Q.tà  
Q.tà  

Tipiche dell'antico borgo di Soncino, le radici amare sono , come il topinambur, il tarassaco, ed il radicchio, la parte radicale di una specie di cicoria. Dall'aspetto di una carota bianca, e dal gusto amaro, sono  storicamente apprezzate per l'apporto positivo alla salute umana. 

Stagionalità 
da metà novembre ai primi di marzo 
 
Proprietà e Benefici
L'amaro è sempre indice di salute negli ortaggi e le radici amare, che ce l'hanno anche nel nome, non deludono a riguardo. Sono ottime alleate del fegato, favoriscono l'assorbimento del ferro e sono adatte per chi soffre di anemia; evitano inoltre i processi di fermentazione dello stomaco, stimolando la crescita dei batteri Bifidus all'interno del colon. l'apporto consistente di inulina produce benefici su intestino e sangue, oltre a svolgere un azione depurativa e disintossicante di tutto l'appartato digestivo.  Sono inoltre ricche di B1, B2, B6, C fosforo, magnesio, potassio, ferro , acido nicotinico e sodio. 
 
Pulizia e Mondatura
Una volta lavate le vostre radici amare sotto l'acqua corrente, munitevi di tagliapatate ( un coltello dalla punta affilata) e pelatele come fossero carote. Una volta pelate e tagliate spremete un limone in una bacinella con acqua e immergete le vostre radici così da evitargli l'ossidazione. 
 
Consigli in Cucina
Per gli intrepidi amanti dell'amaro, le radici si possono mangiare crude in insalata. Ma se si preferisce stemperare l'intenso amarognolo, si consiglia di cucinarle. Tanti i modi per farlo: lessate, gratinate, al forno, ripassate in padella, le radici amare daranno alle vostre ricette quel tocco di gusto e salute che si sposa tanto bene con i piatti invernali.  

Come si conserva
Per conservare le radici amare basta collocarle in un sacchetto di plastica in frigo perché mantenghino l'umidità. Bisogna tuttavia distinguerle in base allo spessore: quelle più fini, a "grissino" infatti, rispetto alle più grosse tuberose, sono ancora vive e continuano a buttare radicette. Questo processo le renderà sempre più legnose nel giro di una settimana e quindi si consiglia di evitare di tenerle troppo bel frigorifero di casa.  

Prodotto disponibile per il Ritiro in Dispensa o consenga nei Comuni Mantovani

iscriviti alla newsletter Logo Cubo
Logo Cubo